Grandi mostre. 3
I nabis e la pittura italiana d’avanguardia a Rovigo

dare voce
alle emozioni

In Bretagna a fine Ottocento Gauguin incontra Emile Bernard. Da quell’incontro nasce un nuovo paradigma dell’arte, nutrimento per un gruppo di giovani, i nabis, liberi di esprimersi soprattutto attraverso il colore. Una rivoluzione che farà sentire la propria eco anche in ambito veneziano. Ce ne parla qui il curatore dell’esposizione di palazzo Roverella.

Giandomenico Romanelli

Nell’agosto del 1888 si incontrarono a Pont-Aven, in Bretagna, Paul Gauguin ed Emile Bernard. Il primo, già quasi quarantenne, aveva alle spalle una vita complicata e accidentata: marinaio, agente di borsa, mancato imprenditore, collezionista d’arte; sposato a una danese e padre di cinque figli, versa in difficoltà finanziarie progressivamente crescenti. Conquistato dalla pittura in termini totalizzanti vi si dedica con passione e furore trovando in Camille Pissarro un maestro e una guida. Quando giunge a Pont-Aven egli sta vivendo un momento delicato e cruciale nel suo percorso artistico, ma già dispone di un bagaglio tecnico oltre che di una determinazione ferrea a imporsi sulla scena dell’arte. Emile Bernard è appena ventenne: sta riflettendo e sperimentando su un suo particolare approccio alla pittura riconducibile a una essenzializzazione del linguaggio, alla rinuncia alle regole classiche della rappresentazione, alla grammatica delle proporzioni e alla sintassi della prospettiva.

Rinuncia altresì allo sfumato, al dettaglio, alla verosimiglianza. Bernard inoltre introduce quel “cloisonnisme”, cioè il contornare le macchie di colore entro una linea scura al modo delle vetrate medievali, che sarà un altro ricorrente stilema di questo momento. 

L’incontro tra i due - che già si erano sfiorati due anni prima, tra Pont-Aven e Parigi - sarà fondamentale: una svolta epocale sulla strada della modernità. Sciogliere la pittura dall’obbligo dell’imitazione della natura affidandosi piuttosto al flusso della memoria di emozioni rivissute, di stati d’animo e forti sollecitazioni dei sensi e condensare il tutto nella sintesi di colori elementari entro campiture piatte e forme semplici: ecco delineato lo statuto della nuova arte.


Sciogliere la pittura dall’obbligo dell’imitazione della natura affidandosi a emozioni e stati d’animo


La Bretagna era già da un ventennio circa la meta di un vero e proprio movimento ininterrotto di artisti (inizialmente nordici e americani, poi francesi) che trovavano nell’atmosfera primitiva e pittoresca dei luoghi e nei costumi e nelle tradizioni religiose e folcloristiche degli abitanti soggetti accattivanti e graditi a un pubblico vasto, non necessariamente colto o raffinato. 

Maurice Denis, La Bella al crepuscolo o Nudo di schiena (1892 circa).

In questo milieu si forma però un gruppo di giovani sperimentatori: essi danno vita a un circolo esclusivo, ricco di venature esoteriche e mistiche (donde il nome di “nabis” - cioè profeti, in ebraico - che lo renderà celebre) votati a una pittura sintetica (da cui l’appellativo di sintetisti) e che riconoscono a Gauguin il ruolo di guida nel loro percorso.

La mostra a palazzo Roverella parte proprio da qui, dall’ambiente bretone prima della svolta gauguiniana e nabi con opere di Charles Cottet e di alcuni dei protagonisti di eccezionale qualità pittorica, come lo scozzese Robert Brought, ispirate ai caratteri e alle tradizioni di Bretagna.
Con l’arrivo di Gauguin e il suo incontro con Bernard (ai quali in mostra è dedicata un’eloquente sezione), le cose ricevono un arricchimento e un’accelerazione determinanti: Maurice Denis, Jan Verkade, Pierre Bonnard, Paul Sérusier, Charles Filiger, Georges Lacombe, Cuno Amiet e altri ancora affollano le strade di Pont-Aven e dei suoi dintorni, come il Bois d’Amour, o le cittadine poco lontane: Le Pouldu, Douarnenez, Quimperlé, Camaret, Concarneau. Maurice Denis, teorico, coagulatore (con Sérusier) del gruppo e storiografo dell’esperienza nabi, ha in mostra un trattamento particolarmente ricco con opere da collezioni private che giungono per la prima volta in Italia.
Ma la mostra non coltiva solamente l’ambizione - già di per sé impegnativa - di offrire una panoramica inedita del mondo nabi. Essa infatti propone almeno due altri fuochi tematici: i riflessi di una così profonda rivoluzione sulla produzione artistica di un’avanguardia di prim’ordine (forse la più avanzata in Italia tra la fine ultima del XIX secolo e il primissimo XX): il gruppo di giovani stretti attorno a Nino Barbantini, direttore della veneziana Galleria internazionale d’arte moderna Ca’ Pesaro.

In secondo luogo il permanere, anche dopo la fase pionieristica del sintetismo, di un vitalissimo filone artistico semplicista e sintetista che, dopo il fauvismo e il Cavaliere azzurro, arriva a lambire in maniera singolare la stessa Nuova oggettività.

Che i giovani artisti insediati a Ca’ Pesaro grazie al mecenatismo della contessa Bevilacqua la Masa avessero sentito in maniera particolarmente intensa il richiamo della Bretagna, e che su quel modello avessero orientato il loro linguaggio e lo stesso stile di vita, lo si è sempre detto e ripetuto. Nella mostra a palazzo Roverella questa affermazione ha una verifica addirittura clamorosa: le sale dedicate a Gino Rossi e ad Arturo Martini, a Umberto Moggioli e Teodoro Wolf Ferrari paiono la “naturale” prosecuzione di quelle di Bernard, Denis, Sérusier e compagni. In questo senso risulta a tutti lampante la qualità della proposta dei veneziani: né inferiore né succube ai risultati dei nabis, talvolta, anzi, superiore per intensità della ricerca e originalità degli sviluppi.


Gino Rossi, Paesaggio di Burano (1912), Verona, Fondazione Domus per l’arte moderna e contemporanea.

In evidenza, la forte componente decorativa e “da arti applicate” del movimento


è poi addirittura straordinaria la vicinanza del lavoro, del linguaggio, dei caratteri stilistici, delle singole scelte figurative di Rossi e dello svizzero Cuno Amiet che, tra i nabis della prima ora, è quello che presenta poi un percorso artistico dentro alle avanguardie europee di eccezionale qualità e versatilità.
Anche il ruolo giocato da un altro svizzero, Félix Vallotton, appare centrale nell’evoluzione e valorizzazione di un’altra e importante componente della galassia nabi e sintetista, quella per così dire borghese e domestica che, tra l’altro, mette in evidenza la forte vocazione decorativa e “da arti applicate” del movimento. Interni e situazioni sono presentati in una distillazione di luci, colori e atmosfere di ineguagliabile efficacia e seduzione: gli elementi portanti del credo sintetista arrivano a esiti di una forte “modernità” cifrata, ironica, allegorica. Al seguito, in pratica, di Vallotton compaiono il livornese Oscar Ghiglia con le sue celebri nature morte e con i suoi più perfetti dipinti di figura: da Ugo Ojetti nello studio alla Toilette della signora Ojetti, da La camicia bianca a Il pollo; il secondo artista, novità assoluta per l’Italia, è Marius Borgeaud, svizzero di Losanna, autore di sorprendenti scene d’interni o di strade di paese in atmosfere semplificate e luminose, raffinato in una versione di elegante naïveté. Mario Cavaglieri e Felice Casorati, proprio in forza della loro partecipazione al gruppo di Ca’ Pesaro, mostrano, per strade assolutamente diverse, la produttività alla lontana del verbo sintetista: la Giulietta appoggiata al tavolo del primo e la Bambina che gioca su un tappeto rosso del secondo ne sono una conferma, ciascuno al livello massimo di intensità emotiva e di perfezione formale. Con queste opere e con un gruppo di dipinti di Cagnaccio di San Pietro (ancora nature morte e i due capolavori: Primo denaro e Allo specchio) si completa una sorta di itinerario circolare: in mostra, novità e riscoperte guidano verso una lettura insolita e innovativa di un passaggio cruciale per la nascita dell’arte moderna.

Felice Casorati, Bambina che gioca su un tappeto rosso (1912), Gand, Museum voor Schone Kunsten.


Oscar Ghiglia, La toilette della signora Ojetti o Lo specchio (1908-1909), Firenze, Palazzo Pitti, Galleria d’arte moderna.

I nabis, Gauguin e la pittura italiana d’avanguardia

a cura di Giandomenico Romanelli
Rovigo, palazzo Roverella
via Giuseppe Laurenti, 8
fino al 14 gennaio 2017
orario 9-19, domenica 9-20, chiuso lunedì

catalogo Marsilio
www.palazzoroverella.com

ART E DOSSIER N. 337
ART E DOSSIER N. 337
NOVEMBRE 2016
In questo numero: UNA STAGIONE DI GRANDI MOSTRE Kirkeby a Mendrisio, Soffici a Firenze, i Nabis a Rovigo, Zandomeneghi a Padova, Impressionismo a Treviso, il Seicento di Vermeer all'Aja. CINQUANT'ANNI FA L'ALLUVIONE Firenze restaurata. FAVOLE ANTICHE Il paradiso di Bosch, le cacce dell'imperatore. Direttore: Philippe Daverio.