QUADRO CRONOLOGICO

AVVENIMENTI STORICI E ARTISTICI VITA DI MUNARI
Picasso dipinge Les Demoiselles d’Avignon, manifesto del cubismo.
1907

Gli Nasce a Milano il 24 ottobre. Dopo alcuni anni la famiglia si sposta nel Polesine, a sud di Venezia, dove l’artista trascorre la sua giovinezza.


1926
Ritornato a Milano, entra immediatamente in contatto con vari esponenti del movimento futurista.
Vengono giustiziati gli anarchici Sacco e Vanzetti negli Stati Uniti. Mostre del Novecento italiano a Zurigo e ad Amsterdam. Nasce il film sonoro.
1927
Inizia a esporre i suoi lavori nelle mostre collettive futuriste in Italia e in Europa.
Crollo della Borsa di Wall Street e inizio della Grande depressione negli Stati Uniti. A New York viene fondato il Museum of Modern Art. Hopper dipinge Lighthouse at Two Lights.
1929
Inizia a lavorare nell’ambito della pubblicità e della grafica. Partecipa alla mostra collettiva Trentatré Futuristi alla Galleria Pesaro di Milano e alla mostra Peintres Futuristes Italiens che si tiene alla Galerie 23 a Parigi.
Mies van der Rohe diventa direttore del Bauhaus e progetta villa Tugendath a Brno. Le Corbusier, Immeuble Clarté a Ginevra. Con una mostra di Ottone Rosai apre la Galleria del Milione di Milano. Margherita Sarfatti pubblica Storia della pittura moderna.
1930
Crea la Macchina aerea e inizia a progettare le sue Macchine inutili. Partecipa alla 17. Biennale di Venezia. Apre lo studio di grafica Studio R+M. Partecipa alla mostra collettiva Mostra Futurista Arch. Sant’Elia e 22 pittori futuristi, alla Galleria Pesaro di Milano.
Franklin Delano Roosevelt viene nominato per la prima volta presidente degli Stati Uniti.
1932
Partecipa alla mostra collettiva Enrico Prampolini et les aereopeintres futuristes italiens alla Galerie de la Renaissance di Parigi. Partecipa alla 18. Biennale di Venezia.
Nasce il Public Works Art Project nell’ambito del New Deal. Rothko tiene la prima mostra personale.
1933
Espone a Milano alla Galleria delle Tre Arti le sue prime Macchine inutili.

1934
Continua a esporre le sue Macchine inutili nelle mostre futuriste, attirando l’attenzione di Depero e Marinetti. Partecipa alla 19. Biennale di Venezia.
Al MoMA di New York hanno luogo le mostre: Cubism and Astract Art e Fantastic Art Dada Surrealism.
1936
Partecipa alla 20. Biennale di Venezia.
Hitler invade la Polonia. È l’inizio della seconda guerra mondiale.
1939
Lavora come direttore artistico alla rivista “Tempo”.
Seconda guerra mondiale: il 10 giugno l’Italia entra nel conflitto. Mondrian fugge a New York.
1940
Mostra di Oggetti metafisici a Milano alla Galleria del Milione, con presentazione di Salvatore Quasimodo.
A fine ottobre, Peggy Guggenheim apre a New York la galleria d’arte Art of this Century.
1942
Pubblica il libro Le Macchine di Munari per Einaudi, iniziando con la casa editrice una collaborazione che durerà per oltre quarant’anni.

1944
“Domus” pubblica il suo libro Fotocronache. Personale di pitture astratte alla Galleria Ciliberti di Milano.
Gli Stati Uniti sganciano la bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki. Fine della seconda guerra mondiale.
1945
Utilizzando il movimento a molla di una sveglia, progetta il multiplo cinetico Ora X.
Il 2 giugno si svolge in Italia il referendum fra monarchia e repubblica e viene eletta l’Assemblea costituente. Fontana redige il Manifiesto Blanco.
1946
Al primo Salon des Réalités Nouvelles di Parigi presenta l’ambiente Concavo-Convesso. Mostra personale di Dipinti astratti alla Galleria Bergamini di Milano.

Prima mostra di Burri, a Roma. Fontana crea il Movimento spaziale. Intorno alla rivista “Forma” si costituisce il gruppo omonimo: Accardi, Attardi, Consagra, Dorazio, Guerrini, Perilli, Sanfilippo, Turcato.
1947
Partecipa alla prima rassegna internazionale di Arte astratta e concreta del dopoguerra che si tiene a Palazzo reale di Milano. La rivista “Domus” dedica un inserto pieghevole all’opera Concavo-Convesso che si presta a una interpretazione fotografica.
In Italia viene promulgata la Costituzione. Nascita di Israele e prima guerra arabo-israeliana. Assassinio di Gandhi in India. Fontana firma con altri il Manifesto del Movimento spaziale.
1948
Partecipa alla fondazione del Movimento arte concreta (M.A.C.) con G. Monnet, G. Dorfles e A. Soldati. Espone Macchine inutili e il Concavo-Convesso alla Galleria Borromini di Milano con presentazione di Buzzati. Inizia il ciclo Negativo-Positivo.

1949
Per l’azienda italiana Pirelli progetta Il gatto Meo, un gioco modellabile in gommapiuma.
Burri espone i Sacchi.
1950
Crea le Proiezioni di luce utilizzando delle diapositive in cui inserisce proprie composizioni pittoriche. Mostra personale di Libri illeggibili alla libreria Salto di Milano con la presentazione di Alberto Mondadori.

1951
Ciclo delle Macchine aritmiche. Personale di Oggetti trovati con presentazione di Ernesto N. Rogers alla Galleria dell’Annunciata a Milano.

1952
Mostra di Quadri quadrati plastici e nuove macchine inutili alla Galleria Bergamini di Milano. Alla 26. Biennale di Venezia realizza una fontana all’aperto. Per Pirelli crea la Scimmietta Zizì, un giocattolo in gommapiuma.
Muore Stalin.
1953
A New York mostra di Libri illeggibili e di libri per bambini. Prime Proiezioni dirette pubbliche a Milano allo Studio B24 e nello studio di Gio Ponti. Inizia a impiegare il filtro Polaroid per realizzare le Proiezioni a luce polarizzata.
La RAI inizia le trasmissioni televisive. La Rinascente istituisce il premio Compasso d’oro.
1954
Vince il premio Compasso d’oro per la Scimmietta Zizì. Proiezioni dirette al MoMA di New York.

1955
Mostra Two Graphic Designers con Alvin Lustig al MoMA di New York.

1956
Alla Galleria San Babila di Milano il ciclo Ricostruzioni teoriche di oggetti immaginari in base a frammenti di residui di origine incerta e di uso sconosciuto, iniziato a Panarea nel 1955. Prime Proiezioni polarizzate a Milano allo Studio B24.
Viene eletto papa Angelo Roncalli col nome di Giovanni XXIII.
1958
Espone alla Galleria Montenapoleone di Milano le sue Sculture da viaggio. Partecipa con Proiezioni dirette a Stoccolma all’Avant-Garde Film Festival organizzato da Pontus Hulten.

1959
Partecipa con il multiplo Strutture continue alle edizioni Multiplication d’Art Transformable (M.A.T.) prodotte a Parigi da Daniel Spoerri.
John Fitzgerald Kennedy presidente degli Stati Uniti. A New York si afferma la Pop Art. In Italia, prime manifestazioni della Scuola di piazza del Popolo (Schifano, Kounellis, Uncini, Festa, Angeli).
1960
Presenta le Proiezioni dirette alla Sôgetsu Hall di Tokyo accompagnato dalla musica concreta di Toru Takemitsu e le Proiezioni a luce polarizzata al National Museum of Modern Art di Tokyo.
Costruzione del Muro di Berlino. Si afferma in Italia la Poesia visiva. Muore Sironi.
1961
Espone in collettive di arte cinetica curate da Pontus Hulten allo Stedelijk Museum di Amsterdam, al Moderna Museet di Stoccolma e al Louisiana Museum di Humlebaek.
Crisi di Cuba: Chruščëv, vista la fermezza di J. F. Kennedy, ritira le armi nucleari dall’isola. Yves Klein realizza i Portraits-Relief.
1962
Organizza con Giorgio Soavi la mostra Arte Programmata nei negozi Olivetti di Milano, Venezia e Roma.
Intervento militare americano in Vietnam. Robert Rauschenberg vince il I premio alla Biennale di Venezia. Andy Warhol espone le Brillo Box.
1964
Inizia a sperimentare le possibilità creative delle macchine Xerox producendo opere uniche, chiamate Xerografie originali.
Assassinio Malcolm X. Guerra del Vietnam: escalation dell’intervento militare americano nel paese, con crescenti proteste e manifestazioni contro la guerra in tutto il mondo, Stati Uniti compresi.
1965
Espone a Tokyo ai grandi magazzini Isetan dove realizza una performance creando Xerografie originali e una Fontana a cinque gocce d’acqua.
Nasce nell’area torinese l’Arte povera, di cui Germano Celant è il teorico.
1966
Partecipa alla Biennale di Venezia con una sala dedicata a opere con la luce polarizzata (Polariscop). Partecipa alla mostra The Object Transformed al MoMA di New York. Personale alla Howard Wise Gallery di New York.
Prima mostra dell’Arte povera, organizzata da Germano Celant, a Genova. Sol LeWitt inventa il termine “Conceptual Art”. Muore Edward Hopper.
1967
Viene invitato a tenere una serie di lezioni sulla comunicazione visiva alla Harvard University, Cambridge (Stati Uniti). Pubblica il Libro illeggibile N.Y. 1 per il MoMA di New York.
Contestazioni degli studenti in Francia e altri paesi. Muoiono Fontana e Duchamp.
1968
Partecipa alla mostra The machine as seen at the end of the Mechanical Age al MoMA di New York.
L’uomo sulla Luna. Negli USA viene inventato Internet. Si diffondono la Land Art negli USA e la Mono Ha in Giappone. Muoiono Dix, Gropius, Van der Rohe. Nasce Vanessa Beecroft.
1969
Partecipa all’evento Campo Urbano, che si svolge a Como, con la performance Far vedere l’aria, e con proiezioni polarizzate su schermi in movimento.
La mostra Information espone l’Arte concettuale al MoMA di New York. Muoiono Gnoli, Heckel, Barnett Newman, Rothko.
1970
Partecipa alla 35. Biennale di Venezia con Proiezioni dirette e Proiezioni a luce polarizzata. Esegue inoltre una performance creativa con una macchina Rank Xerox.
Prima mostra di Sandro Chia a Roma. Muoiono Campigli, Diane Arbus, Magnelli.
1971
Per l’azienda Danese di Milano riproduce in dieci esemplari la Macchina aerea del 1930 andata distrutta.
Scandalo Watergate e dimissioni di Nixon. Muore Siqueiros.
1974
Presenta alla Sincron di Brescia il ciclo di opere Colori nella curva di Peano, ispirate al lavoro del famoso matematico italiano.
1980
Realizza con Davide Mosconi e Piero Castiglioni lo spettacolo di luce per l’esecuzione del Prometeo di Skrjabin al Teatro comunale di Firenze.
Nasce a Milano il Gruppo Memphis, fondato da Ettore Sottsass, simbolo del nuovo design italiano degli anni Ottanta.
1981
Presenta alla Galleria Sincron di Brescia strutture aeree appese denominate Filipesi.
La Biennale di Venezia, dedicata ad Arte e Scienza, comprende un settore sulla Videoarte e la Computer Art.
1986
Sala personale alla Biennale di Venezia con il ciclo di lavori Olio su tela. Mostra antologica Bruno Munari opere dal 1930 al 1986 a Milano, a Palazzo reale.
Gerhard Richter realizza Tote 1-3. Muore Basquiat.
1988
Mostra antologica Bruno Munari. Works 1933-1988 al museo di Gerusalemme.
Caduta del Muro di Berlino con conseguente fine della Guerra fredda e inizio della disgregazione dell’Unione Sovietica.
1989
Mostra antologica alla facoltà di Architettura di Genova dove viene insignito “honoris causa” della laurea in architettura.
Inizia la guerra del Golfo che vede una coalizione internazionale opporsi all’Iraq. Riunificazione della Germania. Muore Haring.
1990
Alla Sincron di Brescia un ciclo denominato Tensione e compressione, sculture collegate alle Tensostrutture progettate durante gli anni Trenta.
1995
Mostra personale Far Vedere l’Aria al Museum für Gestaltung di Zurigo.
Steve Jobs presenta il primo modello di iMac. Due studenti nella Silicon Valley fondano la Google inc.
1998
Muore a Milano il 29 settembre. Viene sepolto nel Famedio del cimitero monumentale di Milano.

MUNARI
MUNARI
Alberto Salvadori, Luca Zaffarano
Difficile dare una definizione di Bruno Munari (Milano 1907-199 8): è stato un artista “totale”: grafico, designer, scrittore, artista cinetico, film-maker, inventore di giochi, didatta, sperimentatore di tecniche, impegnato nelle applicazioni estetiche della matematica e naturalmente pittore, scultore... Egli stesso rifuggiva da etichette e appartenenze. È stato uno dei più influenti intellettuali della Milano anni Cinquanta e Sessanta. Suo punto di partenza è il futurismo, ma anche Dada e il surrealismo; alla fine degli anni Quaranta è tra i fondatori, con Gillo Dorfles, del Movimento arte concreta, espressione estrema di un astrattismo che concepisce come oggetto della sua ricerca solo se stesso, il colore, l’interiorità prima che la forma. La sua dote creativa principale forse era la fantasia – che gli consentiva di creare “oggetti immaginari” o “forchette parlanti” e “libri illeggibili” – unita a un’invidiabile dose di ironia. Una mostra a Verona celebra ora la sua opera creativa.