BIBLIOGRAFIA

G.G. De Rossi, Memorie per le Belle Arti, tomo I, Roma 1785; H.P. Sturz, Schriften von Helfrich Peter Sturz, 2 voll., Lipsia 1786, vol. 1; G.C. Zucchi, Memorie istoriche di Maria Angelica Kauffmann Zucchi, Venezia 1788; F. Sulgher Fantastici, Poesie dedicate alla celebre pittrice Angelica Kauffmann, Siena 1792; V. Manners, G.C. Williamson, Angelica Kauffmann, R.A. Her Life and Her Works, Londra 1924; G.G. De Rossi, Vita di Angelica Kauffmann pittrice (I ed. 1810), Londra, ristampa del 1970; G.L. Luzzato, Angelica Kauffmann e la sua azione su pittori e poeti, in “Quaderni grigionitaliani”, 53, 1984; Angelica Kauffmann: A Continental Artist in Georgian England, catalogo della mostra (Brighton, Royal Pavillon - Art Gallery & Museums, 1992), a cura di W. Wassyng Roworth, Londra 1992; Omaggio a Angelica Kauffmann, catalogo della mostra (Milano, Società per le belle arti ed Esposizione permanente, 27 novembre 1992-17 gennaio 1993), a cura di O. Sandner, Milano 1992; Goethe in Italia. Disegni e acquerelli da Weimar, catalogo della mostra (Roma, Goethe Institut, 3 aprile-5 maggio 1995), a cura di R. Venuti, Roma 1995; Angelica Kauffmann e Roma, catalogo della mostra (Roma, Accademia nazionale di San Luca, Istituto nazionale per la grafica, 11 settembre-7 novembre 1998), a cura di O. Sandner, Roma 1998; Angelika Kauffmann. Retrospektive, catalogo della mostra (Düsseldorf, Kunstmuseum, 15 novembre 1998-24 gennaio 1999; Monaco, Haus der Kunst, 5 febbraio-18 aprile 1999; Coira, Bünder Kunstmuseum, 8 maggio-11 luglio 1999), a cura di B. Baumgärtel, Ostfildern 1998; C. Knight, La “Memoria delle piture” di Angelica Kauffmann, Roma 1998; Il Neoclassicismo in Italia da Tiepolo a Canova, catalogo della mostra (Milano, Palazzo reale, 2 marzo-28 luglio 2002), a cura di F. Mazzocca, Milano 2002; Arte e Manifattura di corte a Firenze. Dal tramonto dei Medici all’Impero (1732-1815), catalogo della mostra (Firenze, palazzo Pitti, Palazzina della meridiana, 16 maggio-5 novembre 2006), a cura di A. Giusti, Livorno 2006; A. Rosenthal, Angelica Kauffmann. Art and Sensibility, New Haven e Londra 2006; Angelica Kauffmann. A Woman of Immense Talent, catalogo della mostra (Bregenz, Vorarlberg Museum; Schwarzenberg, Angelika Kauffmann Museum, 14 giugno-5 novembre 2007), a cura di T.G. Natter, Ostfildern 2007; Angelica Kauffmann, catalogo della mostra (Düsseldorf, Kunstpalast, 30 gennaio-20 settembre 2020), a cura di B. Baumgärtel, Monaco 2020; Angelica Kauffmann, catalogo della mostra (Londra, Royal Academy of Arts, 1 marzo-30 giugno 2024), in c.d.s.

KAUFFMANN
KAUFFMANN
Giulia Perin
Angelika (nome italianizzato poi in Angelica) Kauffmann, pittrice, era svizzera di nascita ma di ascendenza austriaca (Coira 1741 - Roma 1807). Figlia d’arte, visse la sua giovinezza col padre tra Austria e Italia, dove svolse la sua formazione artistica. Si diplomò all’Accademia di Firenze e viaggiò molto fra Milano, Bologna, Roma, Napoli, Venezia, tutte città in cui ebbe modo di frequentare i principali artisti e i maggiorenti locali. Parlava quattro lingue, era colta, affascinante e pare cantasse meravigliosamente. Prototipo dell’artista moderna ed emancipata, diventò presto molto richiesta per le sue doti di ritrattista e pittrice di storia. A venticinque anni si trasferì a Londra, dove la sua fama crebbe considerevolmente. Anche la sua vita sentimentale fu particolarmente vivace; si innamorò di Goethe a Roma, a Londra si legò a Füssli e poi a Reynolds, sposò un nobile svedese che scappò con i suoi risparmi e poi (ma dopo dieci anni di prudente attesa dell’uomo giusto) il pittore veneziano Antonio Zucchi. Infine tornò a Roma, la “sua” città. Lì il suo studio divenne una delle mete del Grand Tour, frequentato da viaggiatori internazionali, desiderosi di vedere le opere di una protagonista del classicismo europeo.