BIBLIOGRAFIA

Fonti: Registro vecchio del monastero di Santa Maria degli Angeli di Firenze, Archivio di Stato di Firenze, Conv. Soppressi, 86, 95, pubblicato in M. Eisenberg, Lorenzo Monaco, Princeton 1989, p. 209; Libro di Antonio Billi, Codice magliabechiano XIII, 89 (Codice Petrei), pubblicato da C. von Fabriczy, in “Archivio Storico Italiano”, ser. V, vol. VII, 1891, pp. 326-327; G. Vasari, Le vite (1550 e 1568), a cura di R. Bettarini e P. Barocchi, Testo, II, Firenze 1967, pp. 303-307.


Bibliografia: O. Sirén, Di alcuni pittori fiorentini che subirono l’influenza di Lorenzo Monaco. Il Maestro del Bambino Vispo, in “L’Arte”, VII, 1904, pp. 337-355; P. Toesca, Nuove opere di Don Lorenzo Monaco, in “L’Arte”, VII, 1904, pp. 171-174; O. Sirén, Don Lorenzo Monaco, Strasburgo 1905; Id., Opere sconosciute di Lorenzo Monaco, in “Rassegna d’Arte”, IX, 1909, pp. 33-36; R. Van Marle, The Development of the Italian Schools of Painting, vol. IX, L’Aja 1927, pp. 107- 190; W. Suida, Lorenzo Monaco, in U. Thieme, F. Becker, Allgemeines Lexikon der Bildenden Künstler, XXIII, Lipsia 1929, pp. 391-393; V. Golzio, Lorenzo Monaco, Roma 1931; A.M. Ciaranfi, Lorenzo Monaco miniatore, in “L’Arte”, XXXV, 1932, pp. 285-317 e pp. 379-399; G. Pudelko, The Stylistic Development of Lorenzo Monaco-I, in “The Burlington Magazine”, LXXIII, 1938, pp. 237-248; Id., The Stylistic Development of Lorenzo Monaco-II, in “The Burlington Magazine”, LXXIV, 1939, pp. 76-81; H. Gronau, The Earliest Works of Lorenzo Monaco, I-II, in “The Burlington Magazine”, XCII, 1950, pp. 183-188 e pp. 217-222; P. Toesca, Il Trecento, Torino 1951, pp. 654-656; M. Eisenberg, A Crucifix and a Man of Sorrows by Lorenzo Monaco, in “The Art Quarterly”, XVIII, 1955, pp. 45-49; Id., Un frammento smarrito dell’Annunciazione di Lorenzo Monaco nell’Accademia di Firenze, in “Bollettino d’Arte”, LVI, 1956, pp. 333-335; R. Amerio, Lorenzo Monaco, in Enciclopedia Universale dell’Arte, vol. VIII, Venezia-Roma 1958, coll. 700-702; M. Levi D’Ancona, Some New Attributions to Lorenzo Monaco, in “The Art Bulletin”, XL, 1958, pp.175-191; M. Meiss, Four Panels by Lorenzo Monaco, in “The Burlington Magazine”, C, 1958, pp. 191-196; F. Zeri, Investigations into the Early Period of Lorenzo Monaco, I, in “The Burlington Magazine”, CVI, 1964, pp.554-558; L. Bellosi, Da Spinello Aretino a Lorenzo Monaco, in “Paragone”, 187, XVI, 1965, pp. 18-43; Id., Lorenzo Monaco, collana “I Maestri del Colore”, Milano 1965; F. Zeri, Investigations into the Early Period of Lorenzo Monaco, II, in “The Burlington Magazine”, CVII, 1965, pp. 3-11; Id., Aggiunta a una primizia di Lorenzo Monaco, in “Bollettino d’Arte”, LI, 1966, pp. 150-151; A. González-Palacios, Indagini su Lorenzo Monaco, in “Paragone”, XXI, 241, 1970, pp. 27-36; M. Boskovits, Pittura fiorentina alla vigilia del Rinascimento 1370-1400, Firenze 1975, passim e pp. 337-355; R. Fremantle, Florentine Gothic Painters, Londra 1975, pp. 367-380; E. Biagi, Lorenzo Monaco, in La pittura in Italia. Il Duecento e il Trecento, tomo II, Milano 1986, pp. 592-593; M. Boskovits, Frühe Italienische Malerei, Berlino 1988, pp. 93-99; M. Eisenberg, Lorenzo Monaco, Princeton 1989; D. Finiello Zervas, Lorenzo Monaco, Lorenzo Ghiberti and Orsanmichele, in “The Burlington Magazine”, CXXXIII, 1991, pp. 748-760; L. Kanter, Lorenzo Monaco. By Marvin Eisenberg, in “The Burlington Magazine”, CXXXV, 1993, pp. 632-633; M. Boskovits, Su Don Lorenzo, pittore camaldolese, in “Arte Cristiana”, LXXXII, 764-765, 1994, pp. 351-364; L. Kanter, Lorenzo Monaco, in Painting and Illumination in Early Renaissance Florence 1300-1450, catalogo della mostra (New York, Metropolitan Museum of Art, 17 novembre 1994 – 26 febbraio 1995), New York 1994, pp. 220-306; E.S. Skaug, Punch Marks from Giotto to Fra Angelico, vol. I, Oslo 1994, pp. 283- 286; Lorenzo Monaco tecnica e restauro. L’Incoronazione della Vergine degli Uffizi, l’Annunciazione di Santa Trinita a Firenze, a cura di M. Ciatti e C. Frosinini, Firenze 1998; G. Bent, A Patron for Lorenzo Monaco’s Uffizi Coronation of the Virgin, in “The Art Bulletin”, LXXXII, 2000, pp. 348-354; L. Kanter, Lorenzo Monaco, in Dizionario Biografico dei Miniatori Italiani, a cura di M. Bollati, Milano 2004, pp. 399-401; G.M. Fachechi, Lorenzo Monaco, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 66, Roma 2006; Lorenzo Monaco. Dalla tradizione giottesca al Rinascimento, catalogo della mostra (Firenze, Galleria dell’Accademia, 9 maggio-24 settembre 2006), a cura di A. Tartuferi e D. Parenti, Firenze 2006; C.B. Strehlke, Lorenzo Monaco and Gentile da Fabriano, in “The Burlington Magazine”, CXLVIII, 1243, 2006, pp. 680-684; A. Tartuferi, Ancora su Lorenzo Monaco, dopo la mostra e il convegno, in Nuovi studi sulla pittura tardogotica intorno a Lorenzo Monaco, a cura di D. Parenti e A. Tartuferi, Livorno 2007, pp.12-19; D. Parenti, Qualche approfondimento su Lorenzo Monaco e sulla chiesa di San Procolo a Firenze, ivi, pp. 20-31; L. Pisani, Echi pisani di Lorenzo Monaco, ivi, pp. 76-87; AA.VV., in C. Hollberg, A. Tartuferi, D. Parenti, con la collaborazione di A. Chiostrini, Dipinti. Il Tardogotico, in Cataloghi della Galleria dell’Accademia di Firenze, vol. III, Firenze 2020, pp. 151-190; D. Gordon, The Nobili Altarpiece from S. Maria degli Angeli, Florence, in “The Burlington Magazine”, CLXII, 1402, 2020, pp. 14-25; E. Zappasodi, Due nuovi sportellini di Lorenzo Monaco, in “Paragone”, LXXII, terza serie, 851/853, 2021, pp. 69-78; C. Strehlke, Angelico’s Last Judgment for Santa Maria degli Angeli and the Potency of the Simple Line, in Il Giudizio Universale restaurato, in “Quaderni del Museo di San Marco”, 3, a cura di M. Tamassia, Livorno 2022, pp.61-62; G. Tigler, Lo sviluppo architettonico del complesso: dalla fondazione alla “Rotonda” del Brunelleschi, in Santa Maria degli Angeli a Firenze, a cura di C. De Benedictis, C. Milloschi, G. Tigler, Firenze 2022, pp. 60, 100-104; A. Labriola, Il ruolo di Santa Maria degli Angeli nel rinnovamento culturale e artistico dell’illustrazione libraria fiorentina tra XIV e XV secolo, ivi, pp. 247-253.


Orazione nell’orto del Getsemani, con nella predella la Spoliazione delle vesti (1400 circa); Firenze, Galleria dell’Accademia.

LORENZO MONACO
LORENZO MONACO
Angelo Tartuferi
Lorenzo Monaco è un anello di congiunzione. È l’artefice della transizione, inToscana, dalla tradizione giottesca al Gotico internazionale. Di Piero di Giovanni, questo il suo nome secolare, non sappiamo neanche se fosse senese o fiorentino, nacque attorno al 1370 e morì a Firenze verso il 1425. In tanta incertezza resta però, appunto, la sua versione dello stile “fiammeggiante” che attraversava in quel tempo l’intera Europa. Una versione domestica, potremmo dire: il monaco camaldolese Lorenzo – pittore e miniatore – non si lancia in invenzioni fiabesche ultraraffinate e cortesi, era d’altronde difficile, nel contesto in cui lavorava, staccarsi davvero dal severo e misurato magistero di Giotto. Le sue opere su tavola degli inizi del Quattrocento cominciano a denunciare i riflessi dell’arte nordeuropea, mediati da Starnina, nel linearismo sottile, la precisione descrittiva, la sontuosità del colore. L’apice della sua carriera è nel secondo decennio del secolo, quando è tra i massimi artisti attivi a Firenze. Una pittura, la sua, nutrita di umanesimo cristiano che apre la strada al suo più grande erede, il Beato Angelico. Una solidità che cede poeticamente a un’etera visionarietà solo nella su produzione più tarda.