BIBLIOGRAFIA

F. Fénéon, L’impressionisme aux Tuileries, in “L’Art moderne”, 19 settembre 1886; F. Fénéon, Les impressionistes nel 1886, Parigi 1886, J. Christophe, Chromo-luminaristes-George Seurat, in “La Plume”, 1 settembre 1889; A. Alexandre, Chroniques d’aujourd’hui vailalnt, in “Paris”, 1 aprile 1891; A. Alexandre, Seurat, Parigi 1897; P. Signac, D’Eugène Delacroix au Néo-impressionisme, Parigi 1899; E. Verhaeren, Notes, Georges Seurat, in “Nouvelle revue française”, febbraio 1909; G. Coquiot, Les indépendants, 1884-1920, Parigi 1920; L. Cousturier, Georges Seurat, Parigi 1921; F. Fénéon, Notes inédits de Seurat sur Delacroix, in A. Lhote, George Seurat, Roma 1922; W. Pach, Georges Seurat, New York 1923; G. Coquiot, Georges Seurat, Parigi 1924; F. Fénéon, Seurat au Louvre, in “Bulletin de la vie artistique”, 15 ottobre 1924; G. Kahn, Au temps du pointillisure, in “Mercure de France”, maggio 1924; F. Fénéon, Le ‘Cirque’ de Seurat, in "Bulletin de la vie artistique", 15 marzo 1926; R. Fry, Seurat’s ‘La Parade’, in "Burlington Magazine", LV, 1929, pp. 289- 293; P. Signac, Le Nèo-impressionisme. Documents, in “Gazette des Beaux-Arts”, 6° Pér, XI, 1934, pp. 49-59; M. Schapiro, Seurat and “La Grande Jatte”, in “Columbia Review”, novembre 1935, pp. 9-16; L. Venturi, Les Archives de l’Impressionism, Parigi 1939; J. Rewald, Georges Seurat, New York 1943; Seligman, The Drawings of Georges Seurat, New York 1947; F. Fénéon, Oeuvres, Parigi 1948; R. Longhi., Un disegno per la Grande Jatte e la cultura formale di Seurat, in “Paragone”, I, 1950, n. 1, pp. 40-43.; G. Cachin, Documenti inediti sul neoimpressionismo, Biennale di Venezia 1950; J. Rewald, Post-Impressionism - From van Gogh to Gauguin, New York 1956 (trad, italiana Firenze 1967); H. Dorrà et J. Rewald, Seurat, Parigi 1959; C. de Hauke, Seurat et son oeuvre, Parigi 1961; J. Rewald, History of impressionism, New York 1961; R. E. Fry, Seurat, con presentazione e note di A. Blunt, Londra 1965; J. Russel, Seurat, Londra e New York 1965; R. L. Herbert, Neo-impressionism, New York 1968 (cat. mostra Guggenheim Museum); P. Courthion, Seurat, Parigi 1969, ed. New York 1988; J. Sutter, Les néo-impressionistes, Neuchâtel 1970; A. Chastel, F. Minervino, L’opera completa di Seurat, Milano 1972; M. Schapiro, Modern Art, 19th and 20th Centuries, New York 1978; P. Signac, Da Delacroix al neoimpressionismo (“Studi e testi di storia e critica dell’arte”; 9) con saggio introduttivo e traduzione di R. Mormone, Napoli 1979; R. Thomson, Seurat, Oxford 1985; J. Russel, Seurat, Londra 1989; J. C. Lebensztejin, Chahut, Parigi 1989; S. Alexandrian, Seurat, Parigi 1990; C. Grenier, Seurat. Catalogo completo dei dipinti (“I gigli dell’arte”; 10), Firenze 1990; A. Madeleine-Perdrillat, Seurat, Parigi 1990; Seurat at Gravelines. The last Landscapes, catalogo della mostra (Indianapolis, Indianapolis Museum of Art, 14 ottobre - 25 novambre 1990), Indianapolis 1990; J. Rewald, Seurat, Parigi 1990; ; F. Cachin, Seurat. Le rêve de l’art-science (“Découvertes Gallimard”; 108: peinture), Parigi 1991; É. Darragon, Seurat, Correspondances, témoignages, notes inédits, critiques, Parigi 1991; Le temps Seurat, a cura di M. Théry e D. Brisson, Parigi 1991; M. Zimmermann, Seurat. Son oeuvre e le début artistique, Parigi 1991; Seurat, catalogo della mostra (Parigi, Galeries Nationales du Grand Palais, 9 aprile - 12 agosto 1991), a cura di R. L. Herbert, Parigi 1991; S. LeMen, Seurat & Chéret. Le peintre, le cirque et l’affiche, Parigi 1994; P. Smith, Seurat and the Avant-garde, New Haven 1997; Leighton, R. Thomson, Seurat and the Bathers, volume pubblicato in occasione della mostra (Londra, National Gallery, 2 luglio - 28 settembre 1997), Londra 1997; Pointillisme. Sur les traces de Seurat, catalogo della mostra (Losanna, Fondation de l’Hermitage, 23 gennaio - 1 giugno 1998), a cura di R. Budde, Losanna 1998; R. T. Clement, A. Houzé, Neo-impressionist Painters: a Sourcebook on Georges Seurat, Camille Pissarro, Paul Signac, Théo Van Rysselberghe, Henri Edmond Cross, Charles Angrand, Maximilien Luce, and Albert Dubois-Pillet (“Art reference collection”; 23), Westport, Conn., 1999; Hajo Düchting, Georges Seurat, 1859-1891. Un puntino ricco di conseguenze, Colonia 2000; R. L. Herbert, Seurat, Drawings and Paintings, New Haven 2001; Da Puvis de Chavannes a Matisse e Picasso. Verso l’arte moderna, catalogo della mostra (Vanazia, Palazzo Grassi, 10 febbraio - 16 giugno 2002), a cura di S. Lemoine, Milano 2002; Seurat and the Making of “La Grande Jatte”, catalogo della mostra (Chicago, Art Institute of Chicago, 16 giugno - 19 settembre 2004), a cura di R.L. Herbert, Chicago 2004; M. Ferretti Bocquillon, Seurat et le dessin néo-impressionniste (“Galerie des arts graphiques”; 1), Milano 2005; Le néo-impressionnisme de Seurat à Paul Klee, catalogo della mostra (Parigi, Musée d’Orsay, 14 marzo - 10 luglio 2005), Parigi 2005; Georges Seurat. The Drawings, catalogo della mostra (New York, MoMA - Museum of Modern Art, 28 ottobre 2007 - 7 gennaio 2008), a cura di J. Hauptman, New York 2007; Georges Seurat, Paul Signac e i neoimpressionisti, catalogo della mostra (Milano, Palazzo reale, 10 ottobre 2008 - 25 gennaio 2009), a cura di M. Ferretti Bocquillon, Milano 2008; P. Smith, Seurat re-viewed, University Park, Penn. 2009; Georges Seurat. Figur im Raum, catalogo della mostra (Zurigo, Kunsthaus, 2 ottobre 2009 - 17 gennaio 2010; Francoforte, Schirn-Kunsthalle, 4 febbraio - 9 maggio 2010), a cura di Ch. Becker, J. Burckhardt Bild, Ostfildern 2009; Henri Edmond Cross et le néo-impressionnisme, de Seurat à Matisse, catalogo della mostra (Parigi, Musée Marmottan Monet, 20 ottobre 2011 - 19 febbraio 2012), Parigi 2011; Divisionism from Van Gogh and Seurat to Mondrian, catalogo della mostra (Tokyo, National Art Center Tokyo, 4 ottobre - 23 dicembre 2013; Hiroshima, Prefectural Art Museum, 2 gennaio - 16 febbraio 2014; Aichi, Prefectural Museum of Art, 25 febbraio - 6 aprile 2014), a cura di L. Kreijn, K. Bell, Tokyo 2013; Neo-impressionism and the Dream of Realities. Painting, Poetry, Music, catalogo della mostra (Washington, D.C., Phillips Collection, 27 settembre 2014 - 11 gennaio 2015), a cura di C. Homburg, New Haven 2014; M. Foa, Georges Seurat. The Art of Vision, New Haven 2015; Seurat, Van Gogh, Mondrian. Il post-impressionismo in Europa, catalogo della mostra (Verona, Palazzo della Gran Guardia, 28 ottobre 2015 - 13 marzo 2016), a cura di L. Heenk, L. Kreijn, Milano 2015; M. Imbert, Georges Seurat. Catalogue raisonné de l’oeuvre imprimé anthume, [Paris] [2016]; Ways of Pointillism: Seurat, Signac, Van Gogh, catalogo della mostra (Vienna, Albertina, 16 settembre 2016 - 8 gennaio 2017), a cura di H. Widauer, Monaco 2016.


Alfalfa, St. Denis (1885-1886); Edimburgo, Scottish National Gallery.

Il dipinto, presentato al Salon des Indépendants del 1886, raffigura un angolo di campagna nell’area di Saint-Denis, a nord di Parigi, una zona oggi integrata nella metropoli e completamente urbanizzata, che già al tempo del pittore cominciava a essere invasa da opifici e altre installazioni, anche se l’artista scelse di evitarne la rappresentazione. L’interesse di Seurat si sofferma soprattutto sul manto erboso che occupa la quasi totalità del dipinto sino a un lontano orizzonte nel quale spicca la chioma di un albero realizzata in un verde luminoso con tocchi di azzurro e rosa su pennellate color arancio intenso. La distesa erbosa è realizzata con tocchi verdi e arancio scuro, uniti ad azzurro, lavanda rosato e rare punte di violetto.

SEURAT
SEURAT
Maurizia Tazartes
La presente pubblicazione è dedicata al capofila del movimento neoimpressionista: Georges Seurat. Nato a Parigi nel 1859, unisce fin dall'inizio alla sua attività di pittore una vera passione per la speculazione teorica sulle leggi dell'ottica e del colore. Una passione che accompagnerà tutta la sua vita di artista, spesa nel tentativo di conferire basi ''scientifiche'' alle tecniche pittoriche degli impressionisti; tentativo che scaturisce in una tecnica nuova, il divisionismo, basata sulla scomposizione dell'immagine in minuscole particelle di colore.