quadro cronologico

AVVENIMENTI STORICI E ARTISTICI VITA DI DEGAS
Daumier rievoca nella litografia La rue Transnonain, il lungo eccidio, avvenuto durante il governo di Luigi Filippo in un quartiere operaio di Parigi.
1834

Nasce a Parigi il 19 luglio dal banchiere Pierre Auguste Hyacinthe de Gas (questa è la versione esatta del cognome dell’artista)e da Célestine Musson, originaria di New Orleans.


1845
Entra al liceo parigino Louis-le-Grand. Con il padre, uomo di cultura, intenditore d’arte e di musica, visita il Louvre e conosce alcuni collezionisti di Parigi tra i quali Valpinçon, proprietario della Bagnante di Ingres.

1847
Muore la madre.
Luigi Napoleone si proclama imperatore. Lo zar Nicola I apre al pubblico il museo dell’Ermitage.
1852
In rue Mondovi allestisce nell’appartamento paterno uno studio.
Guerra di Crimea (terminata nel1856).
1853
Dopo la laurea in giurisprudenza, entra nello studio di Barrias. Frequentando il Louvre e il Cabinet des Estampes della Bibliothèque Nationale, Degas copia opere di Dürer, Mantegna, Rembrandt e Goya.
Espansione francese in Senegal e fondazione di Dakar. Grazie alla riapertura delle frontiere del Giappone agli stranieri (chiuse dal 1638), entrano nel mercato occidentale le stampe giapponesi.
1854 Diviene allievo di Lamothe, discepolo di Ingres. Inizia una serie di viaggi di studio in Italia.
All’Esposizione universale di Parigi viene allestita una mostra retrospettiva dedicata a Ingres. Courbet espone quaranta opere nel Pavillon du Réalisme.
1855
Entra all’Ecole des Beaux-Arts. Tuttavia ben presto si stanca dell’insegnamento accademico. Grazie a Valpinçon conosce Ingres.
Congresso di Parigi sulla questione italiana. A Firenze il principe Demidoff apre al pubblico la sua collezione (poi dispersa) ricca di opere di artisti francesi: Ingres, Delacroix, Corot, i pittori della scuola di Barbizon e altri ancora.
1856
Dopo un soggiorno a Roma, si trasferisce a Napoli dove inizia a dipingere i due ritratti delle cugine Bellelli. Ritornato a Roma, copia gli antichi.
Espansione francese in Algeria, con la conquista della Cabilia.
1857
Dopo aver trascorso i primi mesi dell’anno a Parigi, si trasferisce a Roma dove incontra, frequentando l’Académie Française, Gustave Moreau.
Spedizione franco-inglese in Cina.
1858
In primavera, dopo un inverno parigino, ritorna a Roma da dove si allontana in luglio per intraprendere un viaggio verso Firenze, sostando a Viterbo, Orvieto, Perugia e Assisi. Nella città toscana incontra di nuovo l’amico Moreau e frequenta i macchiaioli al caffè Michelangelo. A questo periodo risalgono alcuni studi per La famiglia Bellelli.
Darwin pubblica L’origine della specie.
1859 Torna a Parigi.
Spedizione dei Mille in Italia. Con il trattato di Torino, Nizza e Savoia sono cedute alla Francia.
1860
Durante il soggiorno presso Paul Valpinçon a Ménil-Hubert-sur-Orne, scopre il fascino dei cavalli e delle piste da corsa.
Abolizione della schiavitù negli Stati Uniti. Cézanne abbandona il lavoro in banca e si dedica alla pittura. A Firenze viene premiato il dipinto di Fattori II campo dopo la battaglia di Magenta, primo riconoscimento per i macchiaioli.
1862
Conosce e diventa amico di Edouard Manet.
L’Olympia di Manet, esposta al Salon, suscita numerose polemiche ma viene difesa da Baudelaire.
1865
Riceve complimenti da Puvis de Chavannes per un pastello esposto al Salon.
Guerra della Prussia e dell’Italia contro l’Austria.
1866

Comincia a frequentare il Café Guerbois. Espone al Salon quadri raffiguranti scene di corse di cavalli.

All’Esposizione universale di Parigi viene allestito un padiglione personale di Courbet e Manet. Viene dato alle stampe il romanzo dei fratelli Concourt Manette Salomon. Marx pubblica Il Capitale e Zola Thérèse Raquin.


Il 18 luglio scoppia il conflitto franco-prussiano. Viene proclamata la Terza Repubblica. Le truppe francesi sono sconfitte a Sédan. Roma viene annessa al regno d’Italia e ne diviene capitale.
1870
Scoppiata la guerra con la Prussia si arruola in fanteria. Al Salon espone il ritratto di Madame Camus in rosso con ventaglio.
Manet firma con Jongkind, Pissarro, Cézanne, Renoir e altri per un nuovo Salon des Refusés. Monet si stabilisce ad Argenteuil.
1872
Frequenta il balletto dell’Opéra. A ottobre parte con il fratello René per New Orleans dove vivono i parenti della madre.
Muore Napoleone III. Rimbaud pubblica Une saison en enfer, Nietzsche La nascita della tragedia.
1873
Tornato a Parigi frequenta di nuovo i compagni impressionisti.
Monet espone Impression, soleil levant nello studio di Nadar.
1874
A Napoli assiste il padre morente. Partecipa all’allestimento della prima mostra degli impressionisti, organizzata nello studio del fotografo Nadar in boulevard des Capucines, ed espone dieci opere fra oli, disegni e pastelli.
Il 24 marzo gli impressionisti organizzano una vendita all’asta all’Hotel Drouot.
1875
Inizia a dipingere L’assenzio.
Rivière scrive il primo articolo sugli impressionisti. Mallarmé pubblica L’après-midi d’un faune. L’americano Bell brevetta il telefono.
1876
Ad aprile viene inaugurata, presso la galleria di Durand-Ruel in rue Le Peletier 11, la seconda esposizione impressionista dove Degas presenta ventiquattro opere. Nello stesso mese viene pubblicato l’opuscolo di Duranty La nouvelle peinture, à propos du groupe d’artistes qui expose dans la Galerie Durand-Ruel, ispirato alle teorie di Degas sulla nuova pittura. Frequenta il caffè La Nouvelle Athènes.
Lo scultore napoletano Gemito ottiene un eccezionale successo presentando al Salon di Parigi la scultura in bronzo Il pescatorello. Allo stesso Salon, Moreau espone la Salomè. Muore Courbet. Edison inventa il fonografo.
1877
Alla terza mostra del gruppo, allestita in rue Le Peletier 6 e finanziata come la seconda da Caillebotte, invia ventisette dipinti di diverso genere, raffiguranti ballerine, caffè concerto, nudi femminili.
Esposizione universale di Parigi. Durand-Ruel espone numerose opere dei pittori di Barbizon. Duret pubblica Les impressionnistes.
1878
Degas inizia il Ritratto di Diego Martelli.
Viene pubblicata Nel sogno, la prima raccolta di litografie di Redon. Edison inventa la lampadina elettrica.
1879
Partecipa alla quarta mostra degli impressionisti allestita in avenue de L’Opera 28.
Tahiti diventa colonia francese. Dostoevskij pubblica I fratelli Karamazov. Muoiono Flaubert, Eliote Offenbach.
1880
Dopo un viaggio in Spagna, Degassi dedica all’incisione con Mary Cassatte Pissarro. Alla quinta mostra impressionista al n. 10 di rue Pyramides presenta una decina di opere.
Prima mostra personale di disegni di Redon nella redazione de “La Vie Moderne”. Pubblicazione della Filosofia dell’arte di Taine. A Malaga nasce Picasso.
1881
Alcuni suoi pastelli e statuette - tra queste ultime la scultura in cera Piccola danzatrice di quattordici anni - sono esposti alla sesta mostra degli impressionisti allestita in boulevard des Capucines 35.
Triplice Alleanza tra Italia, Germania e Austria. Retrospettiva di Courbet all’Ecole des Beaux-Arts.
1882
Si dedica a raffigurare nei suoi dipinti stiratrici e modiste. Non partecipa alla settima mostra degli impressionisti.
Durand-Ruel espone opere degli impressionisti a Londra, Berlino, Rotterdam e Boston. Mostra di stampe giapponesi nella galleria Petit. Caillebotte, nel suo testamento, lascia al Louvre la propria collezione di opere impressioniste. Huysmans pubblica L’art moderne.
1883
Il 30 aprile muore l’amico Manet. Si chiude in un profondo isolamento.
Retrospettiva di Delacroix all’Ecoledes Beaux-Arts. Dujardin fonda la “Revue Wagnérienne”. Esposizione universale di Anversa. Nietzsche pubblica Cosi parlò Zarathustra.
1885
Apprezza l’opera di Paul Gauguin. Aumentano i disturbi alla vista, avvertiti già alcuni anni prima.
A New York si inaugura la Statua della Libertà. Successo degli impressionisti in America. Su “Le Figaro Littéraire” viene pubblicato il manifesto simbolista di Moréas. Fénéon pubblica Les impressionnistesen 1886 e diventa corrispondente della rivista “L’Art Moderne”.
1886
Dopo un soggiorno a Napoli è di nuovo a Parigi dove il 15 maggio partecipa all’ultima mostra (l’ottava)degli impressionisti allestita in un palazzo tra rue Laffitte e il boulevard des Italiens, esponendo pastelli raffiguranti modiste e una serie di nudi femminili. L’esposizione per Degas è un vero insuccesso.
Costruita la Tour Eiffel per l’Esposizione universale che ospita una mostra su cento anni di arte francese: sono incluse opere di Monet, Manet, Pissarro, Cézanne.
1889
Visita la Spagna e il Marocco con il pittore Boldini.
Ad Auvers-sur-Oise, Vincent van Gogh muore suicida. Oscar Wilde scrive Il ritratto di Dorian Gray.
1890
Soggiorno in Borgogna.
Apertura della galleria di Vollard. Secessione di Monaco.
1893
Presso la galleria Durand-Ruel viene allestita la sua prima e unica mostra personale, dove espone alcuni monotipi realizzati a pastello raffiguranti paesaggi della Borgogna dove nel 1890 aveva trascorso un breve soggiorno accanto allo scultore Bartholomé. Si dedica sempre più assiduamente alla propria collezione privata che accoglie tra l’altro numerose opere di Ingres e di Delacroix.
A Monaco escono le riviste “Jugend”e “Simplicissimus”. A Parigi prima personale di Munch.
1896

Prima mostra della Secessione di Vienna.
1897
Visita il Musée Ingres presso Montauban con Bartholomé. Ormai frequenta esclusivamente i Rouart egli Halevy, di cui è ospite in estate in campagna.
Wölfflin pubblica L’arte classica, Tolstoj Che cos’è l’arte. Morte di Mallarmé, di Puvis de Chavannes, di Moreau. A Vienna, O. Wagner inizia la Casa della maiolica e J. M. Olbrich il palazzo della Secessione.
1898
Ormai quasi cieco si dedica soprattutto alla scultura, modellando statuine di cavalli in movimento, ballerine in varie pose e altri soggetti.
In un padiglione dell’Esposizione universale di Parigi viene allestita una mostra di sculture di Rodin. Freud a Vienna pubblica L’interpretazione da sogni.
1900
Nasce a Dresda il gruppo Die Brücke. Muoiono Gauguin, Pissarro e Whistler.
1903

Teoria della relatività di Einstein.
1905
Dipinge Madame Alexis Rouart e i due figli.
Bergson pubblica L’evoluzione creatrice. Muore Cézanne.
1906

Picasso dipinge Les demoiselles d’Avignon.
1907

Primo manifesto del futurismo.
1909

In tutta Europa vengono allestite numerose mostre di artisti cubisti. A Parigi A. Gleizes e J. Metzinger pubblicano Sul cubismo. Picasso realizza la Chitarra, prima scultura cubista.
1912
Abbandonati con grande dolore la casa e lo studio in rue Victor-Masse, in cui abitava ormai da quasi vent’anni e dove aveva sistemato la sua collezione, si trasferisce in boulevard de Clichy.
Prima guerra mondiale. Kokoschka dipinge La sposa del vento.
1914

Rivoluzione russa. Disfatta italiana a Caporetto. Muore Rodin. A Leida, Van Doesburg fonda la rivista “De Stijl”.
1917
Il 27 settembre muore e viene sepolto nel cimitero di Montmartre.

DEGAS
DEGAS
Alessandra Borgogelli
La presente pubblicazione è dedicata a Edgar Degas (Parigi 1834-1917). Aderì presto alla cerchia degli impressionisti, ma la sua idea di arte era lontanissima dall"'en plein air" di Monet e compagni: lo spettacolo della natura lo lasciava indifferente e preferiva di gran lunga il teatro, l'ippodromo, le scuole di ballo. Proprio alle ballerine (nella pittura come nella scultura) dedicò gran parte della sua ricerca, fino ai suoi ultimi anni, perseguendo un realismo ispirato alla vita, alla quotidianità, attento alla resa istantanea del movimento attraverso la luce e non disdegnando soggetti quasi banali.