Bibliografia

J. Von Sandrart, Der Teutschen Academie zweyter Theil, Norimberga 1675; F. Baldinucci, Notizie de’ professori del disegno da Cimabue in qua, Firenze 1728, pp. 353-359; L. Pascoli, Vite de’ pittori, scultori ed architetti moderni (1730), Roma 1933, pp. 20-30; E. Dilke-Pattison, Claude Lorrain, sa vie et ses oeuvres, Parigi 1884; M. Roethlisberger, Claude Lorrain. The Paintings, 2 voll. New Haven 1961; L’opera completa di Claude Lorrain, a cura di M. Röthlisberger, D. Cecchi, Milano 1975; T. Pugliatti, Agostino Tassi tra conformismo e libertà, Roma 1977; L. Salerno, Pittori di paesaggio del Seicento a Roma, I, Roma 1977-1978; M. Kitson, Claude Lorrain: Liber VeritatisLondra 1978; Claude Lorrain e i pittori lorenesi in Italia nel XVII secolo, catalogo della mostra (Roma, Accademia di Francia, aprile-maggio 1982), Roma 1982; Claude Lorrain 1600-1682, catalogo della mostra (Washington, National Gallery of Art, 17 ottobre 1982 - 2 gennaio 1983), Washington 1982; M. Sylvestre, Claude Gellée entre
Chamagne et Rome, in “Mélanges de l’Ecole Française de Rome, Moyen Age Temps Modernes”, XCIV , 2, 1982, pp. 929-947; Claude Gellée, dit le Lorrain, catalogo della mostra (Parigi, Galeries Nationales du Grand Palais, 15 febbraio-16 maggio 1983), Parigi 1983; M. Chiarini, Nicolas Poussin e Claude Lorrain: rapporti e scambi, in Nuove ricerche in margine alla mostra: Da Leonardo a Rembrandt. Disegni della Biblioteca Reale di Torino, in Atti del Convegno internazionale di studi (Torino, 24-25 ottobre 1990), a cura di G. C. Sciolla, Torino 1990, pp. 320-326; M. Kitson, Claude Gellée called le Lorrainin Claude to Corot: the Development of Landscape Painting in France, catalogo della mostra (New York, Colnaghi Art Gallery, 1° novembre-15 dicembre 1990), New York 1990; L. Mannocci, Claude Lorrain. Opera grafica, Bergamo 1991; P. Cavazzini, New Documents for Cardinal Alessandro Peretti-Montalto’s Frescoes at Bagnaiain “The Burlington Magazine”, CXXXV, 1082, maggio 1993, pp. 316-327; Id., Agostino Tassi and the Organization of His Workshop: Filippo Franchini, Angelo Caroselli, Claude Lorrain and the Othersin “Storia dell’Arte”, 91, 1997, pp. 401-431; Id., Palazzo Lancellotti ai Coronari. Cantiere di Agostino Tassi, Roma 1998; L. Beaven, Cardinal Camillo Massimo and Claude Lorrain: Landscape and the Construction of Identity in Seicento Rome, in “Storia dell’Arte”, 112, settembre-dicembre 2005; M. Beneš, Claude Lorrain’s Pendant Landscapes of 1646-50 for Camillo Pamphilj, Nephew of Pope Innocent X. Classicism, Architecture, and Gardens as Contexts for the Artist’s Roman Patronage, in “Storia dell’Arte”, 112, settembre-dicembre 2005; N. Gozzano, La Quadreria di Lorenzo Onofrio Colonna. Prestigio nobiliare e collezionismo nella Roma barocca, Roma 2005; Id., Nuovi documenti per la datazione del Paesaggio con la fuga in Egitto di Claude Lorrain (LV 158) e alcune note sui pendants “misti”in “Storia dell’Arte”, 112, settembre-dicembre 2005, pp. 139-152; H. Langdon, Claude, Apollo and the Muses, in “Storia dell’Arte”, 112, settembre-dicembre 2005; C. Mazzetti di Pietralata, Sandrart a confronto con Lorrain e Swanevelt: disegni inediti e riflessioni sul paesaggio, in “Storia dell’Arte”, 112, settembre-dicembre 2005; Agostino Tassi (1578-1644), Un paesaggista tra immaginario e realtà, a cura di P. Cavazzini, Roma 2008; Claude Lorrain: The Enchanted Landscape, catalogo della mostra (Oxford, Ashmolean Museum, 6 ottobre 2011 - 8 gennaio 2012), Oxford 2011; M. Tazartes, Tra pittura e bordello. La vera vita di Agostino Tassi, Firenze 2017.


Il Campo vaccino (1636).

Lorrain
Lorrain
Maurizia Tazartes
Claude Gellée (Chamagne 1600 circa - Roma 1682) era lorenese, da cui il nomecon cui era noto: Claude Lorrain o anche il Lorenese. Con il suo connazionalePoussin è uno dei molti pittori francesi (e non solo francesi) che nei primi decennidel Seicento si innamorano di Roma e dell’Italia, scelgono di viverci – affascinatidall’Antico ma anche dagli sviluppi innovativi che l’arte italiana andava elaborandoin quel tempo – e contribuiscono alla formazione e diffusione del Baroccoin Europa. In realtà da ragazzo ha una formazione da pasticcere, al punto che èconsiderato uno degli inventori della sfoglia dei croissant. Il nostro prossimodossier, ovviamente, racconta e analizza il suo indiscusso talento di paesaggista,uno dei primi a stabilire un nuovo genere di grande successo: il paesaggio fantastico,combinazione di scorci dal vero, marine, rovine, grandiosi edifici di formaclassicheggiante.